La bufala del nazionalismo no-global

Ovvero: chi vuole chiudere le frontiere non combatte la globalizzazione

Mi occupo di territorio, di paesaggio e di geografie non solo per passione, ma, di traverso, fortunatamente, per professione. Mi è perciò capitato di leggere qualcosa su determinati argomenti oltre che viverli in prima persona. Mettiamo però in chiaro da subito che non sono uno storico né un politologo. Vi prego perciò di indulgere alle inesattezze terminologiche, ma allo stesso tempo, sono convinto che la sostanza sia giusta, e che sia necessario insistere.

mexico-border Continua a leggere

La città più meridionale del Nordeuropa, spiegata bene.

Breve recensione di Trieste Sottosopra di Mauro Covacich – Laterza (Contromano) 2006.

image_bookTrieste è una città così affascinante che è difficile stabilire dove finisce il merito dello scrittore e inizia quello del luogo. Ma Covacich ne ha scritto esattamente nel modo che cercavo io, cioè riuscendo a mettere da parte (non a eliminare, appoggiare di lato) i cliché dell’alta letteratura e della Mitteleuropa che, come tutti i cliché, si sovrappongono alla città reale senza farla vedere. La “Sissi col piercing” non è infatti inchiodata al suo stereotipo, ma vive nel nostro secolo, con tutte le sue contraddizioni. Per questo “Trieste sottosopra” è, oltre che una lettura stimolante, una guida efficace da avere con sé, per ricercare caffè, stabilimenti balneari, parole in dialetto, immaginarsi come deve essere passarci un po’ di tempo e non vederla di sfuggita. Ho particolarmente amato le infinite declinazioni del caffè, lo struggente capitolo sulla Risiera di San Sabba – “la più bella opera d’arte della città” – e l’insistere sulla multietnicità irriducibile di Trieste, in barba a quello che vorrebbero certi nazionalismi. Bravo Covacich, credo che lo leggerò ancora.

dsc_5468compr

Dove finisce Roma

Alla Fiumara do’ ce sta er baretto
Fra le reti e le barche abbandonate
E ‘r cielo griggio a facce su da tetto.”

E. De Angelis

In inverno è perfettamente evidente che Roma è una piovra che si dirama sulle sue consolari, e i due tentacoli seguono i bracci del Tevere per farsi schiaffeggiare dal mare che infuria sui frangiflutti. La risacca trascina via la sabbia vulcanica animando di vita insperata le buste di plastica e i galleggianti, mentre il vento fa lo stesso con le erbacce, muggisce sui frigoriferi abbandonati, sulle fermate dell’autobus corrose dalla salsedine. Continua a leggere

Alluvione del 1966: non solo Firenze. A Trento una mostra suggestiva sulla difesa del Territorio

Era il 4 novembre 1966, e pioveva che Dio la mandava. image_gallery1966I fiumi delle Alpi Orientali ribollivano e gorgogliavano, gonfiati dai torrenti che ruggivano nelle valli di montagna, a loro volta ingrossati dalla pioggia che cadeva da giorni e dalla neve che si scioglieva in massa. Lontano, sulla costa, un Adriatico anch’esso in piena ostruiva le foci.  A Venezia un’acqua alta così non si vedeva da tempo, come un sinistro presagio di quello che stava per accadere in molte altre città. Iniziava l’alluvione più devastante dell’ultimo mezzo secolo, che avrebbe colpito l’Italia dal Friuli all’Umbria, anche se oggi, generalmente, ci si ricorda solo di Firenze. In tutto, centotrenta morti, ottantamila sfollati, interi paesi da ridisegnare, e beni artistici e culturali inestimabili persi per sempre o salvati all’ultimo momento con eroismo. Ma se a Firenze gli angeli del fango segnavano la nascita di una lunga stagione di passioni civili, anche nelle montagne del Trentino l’esperienza dell’alluvione era destinata a lasciare una traccia indelebile. Continua a leggere

Andricgrad Logo

Pioggia sulla strada per Višegrad. 3

(Prima parte. Seconda parte)

Ci sarebbero tanti motivi per non andare ad Andrićgrad, il villaggio costruito da Emir Kusturica per celebrare le glorie dello scrittore jugoslavo, della nazione serba, e, già che c’era, le sue. Si trova là dove la Drina riceve il piccolo Rzav, separato da Višegrad da una cinta muraria e una torretta di guardia sfacciatamente false e una porta maestra aperta su un grande parcheggio vuoto. Quando il tempo non è da lupi, sarà pure una destinazione turistica all’avanguardia, come dichiara la brochure che abbiamo trovato, con una scuola di cinema e una di letteratura, il palazzo ottomano, la chiesa ortodossa, una statua di Tesla, i buoni valori della campagna e l’impegno a rivitalizzare una contrada di periferia spopolata. milkySarà, ma adesso sembra di camminare in un ipermercato il giorno prima dell’inaugurazione, tra i teloni di plastica di scompartimenti ancora da ultimare e i palazzi deserti. Davanti al ponte che tutto ha visto e che i lettori di tutto il mondo hanno immaginato, il marmo della città di Kusturica sembra fatto di cartapesta, anzi, un grande castello di carta. Un set cinematografico.    Continua a leggere

Strade senza destinazioni

Quando ci guardiamo intorno, durante un viaggio, tendiamo spesso a ritagliare via quello che ci disturba: macchine, strade, sentieri. Invece bisognerebbe avere il coraggio di non evitarle.

Continua a leggere